fbpx

Nutrizione Sportiva

Responsabile: Dott. Francesco Pasqualoni

Nella pratica sportiva o collegata all’esercizio fisico l’alimentazione gioca un ruolo fondante, atto a costituire un binomio in grado di incrementare esponenzialmente l’efficacia degli sforzi addotti sia sul versante motorio che su quello nutritivo. V’è dunque un efficacia ridotta nel caso in cui si opti per uno solo dei due approcci, motorio o nutritivo. Coloro che si muovano correttamente solo sul piano nutrizionale rischiano di vedere compromessi i loro sforzi a causa di un atteggiamento sedentario e inattivo che agisce negativamente sulla composizione corporea, mentre coloro che dovessero muoversi solo sul piano dell’esercizio fisico potrebbero vedere vanificati i propri sforzi a causa di abitudini alimentari scorrette o comunque non sincronizzate con le necessità statuite dall’allenamento.

Nella nutrizione dello sport, oltre ad un incremento quantitativo, valido sia per lo sportivo di alto livello che per il comune praticante, le necessità collegate al maggiore dispendio energetico e al recupero psicofisico richiedono aggiustamenti anche di tipo qualitativo. Un valido programma nutrizionale agisce dunque sia sul quanto che sul cosa, calibrando le variabili sulla base delle caratteristiche specifiche del soggetto, del suo stile di vita, e dei suoi obiettivi di medio e lungo termine.

Come regola generale, è bene tenere a mente che sebbene non esista una formula nutrizionale in grado di garantire il successo, esistono di certo molte formule in grado di avvicinarci al fallimento. Le sostanze nutritive che ingeriamo hanno molteplici scopi, tutti egualmente importanti: le calorie costituiscono il carburante del nostro organismo, vitamine, minerali, fibre e antiossidanti ci assicurano adeguati livelli di protezione, l’acqua assicura una corretta termoregolazione corporea, mentre le proteine, con i loro aminoacidi essenziali, permettono il continuo e costante rinnovamento dei tessuti. Regolare e ripartire correttamente l’apporto di tutte le sostanze nutritive rappresenta una sfida del nutrizionista e un’esigenza imprescindibile per il praticante.

Come regola generale, i carboidrati, principale fonte di energia per il nostro organismo, rappresentano un 50-60% delle calorie previste da un efficace piano nutrizionale, mentre i grassi non superano il 30% e il gruppo delle proteine resta compreso tra un 10 e un 20% del totale. La ripartizione dei carichi calorici dipende da un elevato numero di fattori, tra cui le caratteristiche morfologiche e la composizione corporea del soggetto, eventuali intolleranze, carenze o stati patologici, e il tipo di sport o di allenamento praticato, che può variare in termini di potenza, resistenza e periodizzazione dei carichi di allenamento. Proprio a causa di un tale livello di complessità generale, il supporto di una figura competente è fortemente raccomandato qualora si intenda raggiungere risultati rilevanti in termini sportivi o comunemente legati a uno stato di forma ottimale.