fbpx

Krav Maga

Il Krav Maga, che in ebraico moderno significa letteralmente “combattimento con contatto” (la traduzione più utilizzata è “combattimento corpo a corpo”), è un metodo di combattimento israeliano nato nella prima metà del XX secolo. Esso si basa sul movimento utilitaristico, sull’istinto naturale e su un costante adattamento al contesto e alla situazione esistente. Si tratta di una “tecnica di combattimento” semplice e pratica, nata per essere appresa in breve tempo e impiegata in situazioni estreme, con una predilezione per l’approccio offensivo.

Se le arti marziali tradizionali, soprattutto di matrice orientale, tendono ad associare all’insegnamento delle tecniche un sistema filosofico e spirituale, il Krav Maga risponde a criteri di tipo militare – efficacia e rapidità – e tende a comprimere l’importanza di movimenti e azioni macchinose, che non siano alla portata di tutti o che non presentino un’utilità pratica.

Questa disciplina, oltre a prevedere un lauto condizionamento motorio atto a perfezionare le capacità atletiche del soggetto , mira a ricostruire e rafforzare la mente e l’anima del praticante, durante tutto il processo di apprendimento. Essa è progettata per essere appresa da persone di ogni genere, indipendentemente dalla forma fisica, dall’età, dal sesso o dalle caratteristiche morfologiche del soggetto. Nell’ambito civile della difesa personale, il krav maga viene insegnato da istruttori esperti e qualificati per essere impiegato solo in casi di estremo pericolo (violenza da strada, tentativi di stupro, aggressioni a mano armata, etc.).

 

Date le sue caratteristiche salienti, il krav maga non prevede alcuna variante sportiva, né tanto meno un sistema di punteggio o competizione tra i praticanti. Gli allenamenti vengono condotti attraverso sessioni di gruppo, sessioni di coppia, e simulazioni di combattimento realistiche, impiegando tecniche di combattimento a mani nude e tecniche di combattimento con armi di vario genere.
Testato sia in un contesto militare che in ambito civile, il Krav Maga rappresenta tuttora il sistema ufficiale di autodifesa e combattimento ravvicinato della Forza di difesa israeliana (IDF).


 

Il Kapap (conosciuto anche come CQB – Close Quarter Battle) è l’acronimo in ebraico moderno di “ Krav Panim el Panim” (“Krav” significa “Combattimento”, “Panim” significa viso, s’intende quindi  “combattimento faccia a faccia”). Esso viene impiegato dalle Forze Speciali Israeliane ed è conosciuto fin dagli anni Settanta come Lochama Zehira (micro lotta) o Lotar.
Il Kapap non è solo un sistema, ma una miscela di rigorosi condizionamenti fisici, addestramento con armi da fuoco ed esplosivi, addestramento alla sopravvivenza, pronto soccorso avanzato e difesa personale.
L’addestramento al combattimento a mani nude nasce da una combinazione dei sistemi occidentali di combattimento come la boxe, la lotta greco-romana e l’addestramento militare britannico del coltello e del bastone.
Il sistema include una varietà di tecniche militari di combattimento corpo a corpo con uno o più aggressori disarmati o armati (pistola, fucile, mitra, coltello ecc), prevede tecniche di arresto e immobilizzazione, e insegna altresì a riconoscere in breve la migliore via di fuga, e la difesa di terze persone.

 

 

 

R-evolution Studio organizza corsi di gruppo, di coppia o individuali di Krav Maga, Kapap e autodifesa. Gli istruttori sono qualificati ai massimi livelli e adattano l’approccio tecnico e didattico sulla base delle caratteristiche, del livello e delle esigenze del soggetto.
Si organizzano inoltre percorsi di addestramento al Close Quarter Battle per operatori della sicurezza, forze di polizia e forze armate, nonché per ogni altra categoria professionale che si trovi a dover operare in condizioni critiche o in contesti sensibili.